web counter
ads

L'asma bronchiale infantile: sintomi e cure

lasma-bronchiale-infantile-sintomi-cure
 
L’asma bronchiale è la malattia cronica delle vie respiratorie più diffusa tra i bambini, come sostengono anche i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Conosciamola meglio. L’asma bronchiale è caratterizzata da ripetuti episodi di difficoltà di respirazione, respiro sibilante, tosse di gola ed sensazione di costrizione toracica. Questi sintomi sono più forti durante le ore notturne e quando il bambino si trova in ambienti particolari, dove sono presenti sostanze che il sistema immunitario recepisce come nocive, dando quindi vita ad un meccanismo di difesa. Le cause che possono scatenare una crisi asmatica sono molteplici: si va dalla presenza nell’aria respirata dal bambino di allergeni come pollini, muffe od acari, ad allergie alimentari, principalmente nella fascia di età pediatrica, infezioni causate da virus o batteri come raffreddore, ed influenza; esposizione a sostanze chimiche, fumo di sigaretta, freddo, stress. In tutti questi casi, le mucose respiratorie del bambino vengono colpite da una severa infiammazione che provoca un edema, seguito da secrezione anomala di muco denso, e la contrazione della muscolatura liscia bronchiale, rendendo difficile il naturale passaggio dell’aria. La diagnosi dell’asma bronchiale viene fatta attraverso esami come la spirometria che misura la capacità respiratoria del bambino e riesce anche a valutare se è stata compromessa, od anche test allergologici. Nella cura dell’asma bronchiale si possono effettuare due tipologie di trattamento: il primo cerca di tenere sotto controllo i sintomi dell’asma per tutta la durata della giornata, mentre il secondo, di tipo sintomatico, mira a debellare gli episodi acuti. I farmaci più efficaci nel primo caso sono i corticosteroidi (cortisone) perché uniscono il loro potere antiinfiammatorio, mentre nella cura di tipo sintomatico, cioè da somministrare al bambino nel momento del bisogno, i farmaci da scegliere sono sicuramente i beta2 antagonisti, che agiscono calmando la tosse. Entrambe le categorie di farmaci si possono trovare in commercio in varie forme: - ad uso inalatorio, - ad uso orale, - fiale inettabili. La maggiore efficacia è data da quelli per uso inalatorio, perché agiscono direttamente sulle parti infiammate e risolvono quindi più velocemente il problema. La terapia contro l’asma bronchiale cerca di tenere sotto controllo clinico la malattia nel medio e nel lungo periodo ed è quindi necessario un monitoraggio continuo della situazione, verificando eventuali miglioramenti o peggioramenti, che portano all'assunzione di dosi minori o maggiori di farmaci. Il trattamento di cura dell’asma bronchiale deve quindi essere personalizzato e variato in base a queste osservazioni.  
 
 
 
 

Guarda anche


enuresi-nei-bambini-un-problema-da-curare-senza-indugi
Enuresi nei bambini: un problema da curare senza indugi

La Società italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps) ha denunciato...

settimana-mondiale-lallattamento-al-seno-arriva-il-decalogo-del-sin
Settimana mondiale per l'allattamento al seno: arriva il...

Dal 1 al 7 ottobre prenderà il via la settimana Mondiale per l'allattamento al...