web counter
ads

Cos'è la Sindrome da visione al computer?

cos-la-sindrome-da-visione-al-computer
 

La sindrome da visione al computer rappresenta un fastidio che sta prendendo sempre più piede al giorno d'oggi. È dovuta essenzialmente al fatto che spesso si trascorrono molte ore davanti allo schermo del computer, sia per lavoro che per svago o divertimento: in questo modo, la salute dei nostri occhi rischia di venire seriamente compromessa.

Ecco, quindi, da dove nasce la sindrome da visione al computer, in inglese computer vision syndrome. Si tratta di una sindrome, individuata dall'American optometric association, che colpisce la vista e la cui causa risale allo schermo del pc sempre acceso.

Il dottor Kent Daum, vice presidente dell'illinois College of Optometry di Chicago, ha reso noto che i sintomi principali per riconoscere la sindrome consistono in sensibilità alla luce, appannamento della vista, secchezza degli occhi e mal di testa.

In sostanza, il pc, computer o tablet che sia, mette la vista a dura prova soprattutto per un motivo, e cioè che le immagini non sono chiare come appaiono. Inoltre, per gli occhi è più difficile concentrarsi su un schermo rispetto a quanto sarebbe possibile fare su un foglio di carta stampata.

Insomma, leggere un libro resta più comodo e facile che leggere un romanzo sullo schermo di un computer. A questo punto, riteniamo doveroso riportare i consigli forniti dagli esperti al fine di evitare ogni tipo di problematica agli occhi che sia connesso a un utilizzo eccessivo del computer. Si tratta, in ogni caso, di poche regole, molto semplici, che possono essere seguite da chiunque. Pochi accorgimenti, dunque, da adottare per evitare problemi alla vista.

Innanzitutto è opportuno disporre i filtri appositi per gli schermi del personal computer; inoltre, è bene curare l'illuminazione in prossimità dello schermo, ricorrendo a una luce piccola che ovviamente non deve riflettere sul pc.

Ancora, dobbiamo fare attenzione a evitare di posizionare il campo visivo del pc in prossimità di una finestra, sempre per impedire riflessi fastidiosi della luce. Inoltre, sarebbe meglio eseguire delle visite di controllo periodiche dall'oculista di fiducia, il quale eventualmente sarà in grado di dare consigli appropriati alla situazione.

Un altro suggerimento è quello di battere gli occhi di frequente, e fare una pausa almeno ogni mezz'ora. Una pausa di pochi secondi che impedirà agli occhi di asciugarsi, e allo stesso tempo eviterà appannamenti e irritazioni alla vista.

Esistono, inoltre, degli occhiali appositi che devono essere messi quando si usa il computer.

Secondo le ultime stime, solamente negli Stati Uniti sono più di dieci milioni le persone colpite da sindrome da visione al computer. Concludiamo segnalando, infine, che tale disturbo non riguarda in maniera esclusiva gli occhi, in quanto i soggetti potrebbero anche riportare dei danni alle spalle e al collo, specialmente nel caso in cui si portino delle lenti bifocali.

Per evitare i disagi della sindrome, che nei casi più gravi può portare anche a una visione vacillante e a uno sfasamento dei colori temporaneo, tra poco saranno in commercio degli occhiali digitali specifici, progettati nientemeno che dalla Nasa, che consentiranno di usare il computer con maggiore serenità senza correre rischi per la salute dei nostri occhi.


 
 
 
 

Guarda anche


svolta-nella-lotta-al-cancro-anche-i-tessuti-sani-presentano-mutazioni-genetiche
Svolta nella lotta al cancro: anche i tessuti sani...

Secondo quanto emerso da uno studio condotto dalla Harvard Medical School di...

l-immunoterapia-blocca-le-metastasi-del-melanoma
L'immunoterapia blocca le metastasi del melanoma

Il primo tumore su cui l'immunoterapia ha dimostrato i suoi effetti è stato il...