stickyimage

Cosa fare se il bambino ha la congiuntivite

La congiuntivite è un infiammazione della congiuntiva, cioè la membrana posta sotto la palpebra, fino alla cornea, la parte bianca dell’ occhio.

I sintomi più frequenti sono, occhi arrossati, gonfiore alla palpebra, sensazione di graffi all’ interno dell’occhio, prurito e lacrimazione abbondante.

E’ una delle malattie più frequenti, decisamente fastidiosa ma difficilmente pericolosa.

Ci sono vari ceppi di questa infezione; La più frequente è senz’altro la congiuntivite batterica, che provoca secrezioni abbondanti e giallastre, occhio appiccicato al mattino.

Nei neonati, è facile riscontrare la congiuntivite Chlamydia, o la gonococcica.

Questa infiammazione è molto infettiva, si trasmette facilmente dall’occhio alle mani, specialmente per contatti diretti tra bambini, come negli asili. E’ bene non usare la stessa biancheria, avere delle accortezze igieniche maggiori.

La cura da seguire in caso di congiuntivite, è sempre la stessa, usare colliri antibiotici o pomate antibiotiche, le cure le deve prescrivere il medico, valutando in ogni caso, la effettiva necessità del farmaco.

La difficoltà nel gestire una congiuntivite nel bambino, sta nel fatto della trasmissione, il bambino non dovrebbe toccare gli occhi, ma il fastidioso prurito che provoca questa infiammazione, spesso è causa di strofinamenti dell’occhio con la manina, potrebbe essere di sollievo, sciacquare l’occhio con della camomilla tiepida o con dell’acqua fisiologica. Tenere la parte pulita aiuta a ripristinare più velocemente l’effettivo compito, che hanno per i nostri occhi, palpebre, ciglia e lacrime, effettive barriere e fonte di pulizia naturale.

Un modo per evitare la congiuntivite, è l’ igiene assoluta delle mani, queste infatti, trasmettono ai nostri occhi batteri invisibili senza che ce ne rendiamo conto, e i bambini spesso usano le mani per sfregare gli occhi.

Se il bambino frequenta una piscina, è bene proteggere i suoi occhi con degli occhialetti per il nuoto.

I miei due bambini, specialmente la più grande, con la frequentazione della scuola dell’infanzia, ha avuto la congiuntivite, il fastidio provocato è stato tanto ma, siamo riusciti ad alleviarlo con alcuni rimedi naturali, tra cui uno consigliato da un omeopata, che prevedeva l’uso dell’urina della stessa bambina, a primo impatto può sembrare un rimedio ridicolo e poco igienico, ma posso assicurare che ha apportato molti benefici agli occhi della bimba.
Come cura vera e propria, abbiamo usato un collirio antibiotico, prescritto dal pediatra.

Gli svantaggi di questa infiammazione, sono strettamente legati al fastidio che provoca all’interessato, e i bambini sono meno tolleranti al bruciore o prurito dell’occhio.

In più stabilisce regole più ferree nella vita quotidiana, tra le quali quella di dividere la biancheria da bagno, mai usare gli stessi asciugamani, mai avere troppo contatto di vicinanza con l’ occhio infetto.

Crea il disagio di dover spesso richiamare il bimbo, per un ulteriore lavaggio delle mani e la pulizia costante dell’occhio, con conseguenti capricci.

Un pò di pazienza e dopo qualche giorno l’infiammazione sarà passata.

 

Bambini. You can follow any responses to this entry through the | RSS feed . You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave A Response

Required