stickyimage

Come curare l’artrosi del ginocchio

In Italia l’artrosi al ginocchio interessa il 12 % degli uomini e il 26 % delle donne che hanno superato i 65 anni di età. Si tratta di una delle forme più diffuse di degenerazione artrosica, che per altro può interessare qualsiasi articolazione del corpo umano. Essa si manifesta con sintomi quali rigidità articolare e muscolare e dolore, sintomi che hanno l’effetto di ostacolare in maniera fastidiosa i movimenti. È bene precisare che non esiste alcuna cura in grado di far tornare il ginocchio allo stato iniziale, vale a dire nelle condizioni in cui si trovava prima dell’inizio del processo degenerativo. Ciò significa, dunque, che le uniche terapie disponibili sono sintomatiche, vale a dire finalizzate a limitare il dolore fisico e provocare sollievo. Prima di ricorrere a farmaci e medicinali, chi soffre di artrosi al ginocchio può scegliere di provare a migliorare le proprie condizioni cercando di perdere i chili in eccesso. Un’altra attività consigliata consiste nel praticare attività fisica: vanno bene passeggiate in bicicletta o a piedi in piano, ma anche il nuoto: bisognerebbe evitare, invece, quelle attività che vanno a caricare il ginocchio in maniera eccessiva, come per esempio le camminate in discesa o i salti. Nel caso in cui questo tipo di soluzioni da solo non bastasse, sarà opportuno ricorrere ai farmaci contro il dolore. Ad ogni modo, visto che si tratta di un disturbo cronico i cui dolori però sono saltuari, la terapia farmacologica deve essere circoscritta solo ai periodi in cui il dolore si manifesta in maniera intensa. I farmaci più efficaci, e che presentano la minore quantità di effetti collaterali, sono rappresentati da quelli al paracetamolo, da assumere da soli o in combinazione con la codeina. In alternativa, è possibile anche ricorrere ai Fans, quali nimesulide, ibuprofene o naproxene, che tuttavia devono essere assunti con la massima cautela e secondo le dosi consigliate, visto che possono provocare danni notevoli all’apparato gastrointestinale. Sono assolutamente sconsigliati invece i Coxib, medicinali antidolorifici che pure in passato venivano prescritti molto di frequente: tra il 2004 e il 2005, infatti, ne sono stati ritirati due dal mercato, perché ritenuti responsabili dell’aumento del rischio di ictus e infarto. Per uso locale, poi, è possibile ricorrere a pomate, cerotti e gel che rilasciano principi attivi che combattono le infiammazioni. Concludiamo segnalando i farmaci per uso intramuscolare, da applicare ovviamente tramite iniezione. Solitamente sono a base di cortisone antiinfiammatorio, il quale agisce con velocità e che presenta effetti che possono durare anche diverse settimane. In ogni caso è bene non eseguirne più di quattro all’anno, poiché gli effetti collaterali ancora non si conoscono a pieno. Viene raccomandato, invece, di evitare iniezioni di acido ialuronico, che hanno dimostrato di essere inefficaci. In sintesi, il primo passo per curare l’artrosi al ginocchio è rappresentato dall’adozione di uno stile di vita corretto, caratterizzato da perdita ponderale e attività fisica che comunque non deve andare a caricare in maniera eccessiva l’articolazione.

 

 

Salute. You can follow any responses to this entry through the | RSS feed . You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave A Response

Required