web counter
ads

Dieta genetica: una soluzione innovativa per mantenersi in forma

dieta-genetica-una-soluzione-innovativa-mantenersi-forma
 
Dimagrire e riuscire a mantenere il peso forma dopo il dimagrimento è sempre stato uno dei problemi di larga parte della popolazione mondiale. Oggi un ottimo aiuto arriva dalla dieta genetica, basata sull'analisi del DNA dei pazienti. In una vita così caotica come quella a cui ci costringe il mondo di oggi, acquista sempre più importanza sapersi nutrire in modo da mantenere il peso forma ideale. Centinaia sono le diete che siti web, settimanali specializzati e programmi televisivi ci sottopongono ogni giorno, con la promessa di risultati efficaci. Ma come sapere quale è la dieta giusta per noi? Non esistendo una tipologia di dieta valida per tutti, data la complessità e la diversità del corpo delle varie persone, è necessario per i dietologi trovare la dieta giusta per ognuno. Anche l’attività fisica che quasi tutti i medici consigliano di abbinare ad una sana alimentazione non è sufficiente per rimettersi in forma perché mentre le calorie assorbite con l’alimentazione sono uguali per tutti, a causa della diversità del patrimonio genetico non tutti le smaltiscono con il solito ritmo e quindi anche l’attività fisica deve essere calibrata per ogni persona. Basandosi su questo principio basilare e con un approccio fortemente innovativo, che incrocia la scienza della nutrizione con quella genetica, è stata introdotta la "dieta genetica". In una prima fase viene analizzato il campione biologico del paziente, per poi tracciarne il profilo genetico attraverso l’esame dei risultati ottenuti. In questa fase naturalmente tutti gli istituti che si occupano di queste diete garantiscono il pieno anonimato al paziente. Successivamente il genetista valuta le informazioni personali che il paziente ha precedentemente inserito in un questionario e che riguardano sia le caratteristiche fisiche che eventuali patologie presenti, ed altri valori come ad esempio quelli di trigliceridi e colesterolo e sono completate anche dalle preferenze del paziente in fatto di alimenti. La combinazione di tutte queste informazioni permette quindi al medico di indicare la dieta genetica più adatta al paziente. Una dieta personalizzata che è integrata anche dai suggerimenti di una attività fisica personalizzata, in rapporto al DNA di ciascun paziente. In molti casi alla dieta vera e propria viene abbinata anche una seduta dal nutrizionista che nei primi mesi di applicazione della dieta fornisce un costante supporto al paziente. Questo è sicuramente uno dei vantaggi che la dieta genetica fornisce al paziente, che molte volte si sente abbastanza spaesato nelle prime settimane di dieta, e teme di non riuscire a seguire il programma preparato dal nutrizionista. L'aver ricevuto una dieta calibrata proprio sulla sua persona grazie all'analisi del DNA e non su una tipologia di pazienti, contribuisce inoltre a stimolare la voglia del paziente ad ottenere i risultati desiderati.
 
 
 
 

Guarda anche


dieta-limone-e-pompelmo-quali-sono-i-benefici
Dieta limone e pompelmo, quali sono i benefici?

La dieta del pompelmo e del limone è un'ottima soluzione, a base di agrumi e...

la-dieta-mediterranea-un-prezioso-alleato-per-la-salute-del-corpo-e-della-mente
La dieta mediterranea: un prezioso alleato per la salute...

Fin dagli anni '50 diversi studi condotti sulle popolazioni del bacino del...