stickyimage

Ernia Inguinale: cause, forme, sintomi e cure

Con il termine ernia si suole indicare la fuoriuscita di un organo interno dalla sua cavità naturale. Va da sé che un’ernia inguinale altro non è che la fuoriuscita di un viscere localizzata nelle parete inguinale.

Quali sono le cause di questa patologia?
In primo luogo un indebolimento della parete addominale, riscontrabile per lo più in soggetti anziani e strettamente correlato all’avanzare dell’età.
Altro fattore scatenante sono gli eccessivi e ripetuti sforzi fisici. Tra i soggetti maggiormente soggetti a ernia inguinale ci sono infatti sportivi e coloro che praticano lavori usuranti. Tra gli sforzi fisici si possono inoltre annoverare atti legati alla nostra quotidianità, come tosse, gravidanza, defecazione (soprattutto nelle persone stitiche). Non si deve sottovalutare il fattore familiare, se parenti stretti soffrono di ernia inguinale la percentuale di soffrire di questa patologia aumenta esponenzialmente.

Esistono diverse forme di ernia inguinale?
La risposta è si e riguarda principalmente lo stadio di avanzamento dell’ernia.
Possiamo così classificarle:
Punta d’ernia. E’ la fase iniziale, non visibile e generalmente asintomatica.
Ernia inguinale. Il paziente inizia ad avvertire i primi sintomi ma l’ernia non è ancora visibile.
Ernia femorale o ernia inguino-scrotale. A questo punto l’ernia è visibile ed è cresciuta a tal punto da interessare la zona femorale nelle donne e lo scroto negli uomini.
Ernia strozzata. Si verifica qualora l’ernia eserciti uno strangolamento sulla porzione di intestino che la attraversa. Si tratta di una forma particolarmente pericolosa che può causare la perforazione delle pareti intestinali.

Quali son i sintomi?
Nelle fase iniziale le ernie sono in prevalenza asintomatiche. Con l’evolversi della patologia si avvertono un senso di pesantezza, bruciore e dolore soprattutto quando si sta in piedi. La tumefazione pur in presenza dei sintomi su elencati può non essere evidente e solo una visita chirurgica permetterà di effettuare la giusta diagnosi. Quando l’ernia inguinale raggiunge uno stadio avanzato la tumefazione sarà uno dei sintomi principali e potrà raggiungere delle dimensioni molto notevoli.

Quali sono le cure?
Purtroppo non esiste nessuna cura medica per le ernie inguinali. Una volta effettuata la diagnosi l’unica possibilità è l’intervento chirurgico, Trattandosi di una patologia molto comune, l’intervento è dei più semplici. Generalmente viene effettuato in day hospital, in anestesia locale e attraverso la tecnica non invasiva della laparoscopia. Il paziente dopo alcune ore di osservazione potrà far ritorno alla sua abitazione. La diagnosi e l’intervento precoce permetteranno di ridurre i rischio di fastidiose nonché pericolose conseguenze.

 

 

Salute. You can follow any responses to this entry through the | RSS feed . You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave A Response

Required