web counter
ads

L'acupressione come soluzione della nausea da viaggio

lacupressione-soluzione-della-nausea-da-viaggio
 
L'acupressione come rimedio contro la nausea causata dal viaggio non è un metodo nuovo in Oriente. Si pensi, infatti, che veniva già praticata nell'antichità dai marinai cinesi. La pressione andrebbe esercitata sull'avambraccio, nel punto cosiddetto P6Neiguan. L'acupressione potrebbe tranquillamente sostituire i famigerati e famosissimi braccialetti antinausea, uno dei metodi più utilizati per ovviare al problema. L'acupressione: le sue origini e che cos'è La pressione del punto detto P6Neiguan, a quattro centimetri dalla piega del polso, sull'avambraccio, veniva già esercitata nell'antichità dai marinai cinesi. La stimolazione di questo punto alleviava gli effetti del mal di mare. In particolare, la pressione di quel particolare punto, secondo l'antica medicina cinese, regolarizza le funzioni della parte superiore del nostro corpo. È lo stesso principio che è alla base del celeberrimo braccialetto antinausea: col suo bottoncino che preme proprio su quel determinato punto, evita gli effetti del malessere da viaggio, tra cui nausea, e permette il rilassamento. Perchè utilizzare i braccialetti Mettiamo caso che soffriate di mal d'auto o mal di mare e non vogliate però assumere farmaci contro la cinetosi (mal da movimento) per qualsiasi motivo - gravidanza, assunzione di altri farmaci, ecc. Una valida alternativa è l'utilizzo di questi polsini col bottoncino posto sull'avambraccio, a quattro centimetri dall'interno del polso. L'ideale sarebbe indossarli almeno mezz'ora prima della partenza, per poi toglierli all'arrivo. È possibile anche utilizzarli sotto la muta, durante le immersioni in mare. Alcune dritte prima di partire Per prevenire la nausea quando si viaggia sarebbe consigliabile anche seguire dei piccoli ma efficaci accorgimenti. Prima di tutto bisognerebbe partire a stomaco pieno. Questo non vuol dire però ingozzarsi di cibi elaborati. Al contrario, si dovrebbero ingerire cibi leggeri, secchi e salati ed evitare di bere molti liquidi. In auto ci si dovrebbe porre in modo da tenere sempre una visuale frontale - meglio se riuscite a stare seduti davanti -, non si dovrebbe leggere o scrivere e soprattutto arieggiare spesso l'abitacolo, cercando di mantenerlo fresco, evitando fumo e aria viziata.
 
 
 
 

Guarda anche


parkinson-l-attivit-fisica-pu-rallentare-la-progressione-della-malattia
Parkinson: l'attività fisica può rallentare la...

Il 25 novembre è stata la Giornata Mondiale dedicata al Morbo di Parkinson....

tetano-l-importanza-del-vaccino
Tetano: l'importanza del vaccino

Il tetano è una malattia che non è mai stata del tutto debellata. Sebbene...