web counter
ads

Il modo di scrivere sulla tastiera aiuterà a diagnosticare il Parkinson

il-modo-di-scrivere-sulla-tastiera-aiuter-diagnosticare-il-parkinson
 
Sulla rivista Scientific Report è stato pubblicato lo studio effettuato da un gruppo di ricercatori americani e spagnoli del Massachusetts Institute of Technology (MIT). Secondo questa equipe il modo di digitare sulla tastiera verrà adottato in futuro per diagnosticare artrite reumatoide e morbo di Parkinson. Il movimento svolto dalle mani per scrivere al computer è stato considerato un parametro per verificare la funzione motoria di un individuo. L'idea è quella di elaborare diagnosi precoci proprio sulla scorta dei suddetti parametri. In realtà il progetto iniziale dei ricercatori non verteva sulle diagnosi precoci. L'intenzione era quella di testare le abilità motorie a seguito di uno sforzo. Il tutto tramite uno speciale software in grado di registrare il tempo impiegato a premere un pulsante della tastiera e a rilasciarlo. L'attenzione degli scienziati si era concentrata in particolare sull'aspetto della stanchezza. Avevano individuato un notevole scarto di brillantezza tra l'azione dello scrivere con un fisico riposato e lo scrivere con un fisico stanco. Da questo esperimento alla convinzione di poter utilizzare lo stesso software per testare una funzione motoria condizionata dal morbo di Parkinson il passo è stato breve. Notoriamente questa grave patologia arreca all'individuo gravi difficoltà deambulatorie, tremore e lentezza di movimento. Per cui portare avanti uno studio di questo tipo implica il tentativo di analizzare l'individuo dal punto di vista cerebrale. E lo studio preliminare condotto su un campione di 20 pazienti ha dato un responso significativo. Sono bastati i pattern di battitura ad identificare chi tra queste venti persone fosse malato di Parkinson e chi invece no. Gli stessi ricercatori hanno ammesso che occorreranno altri studi perché i dati iniziali si traducano in un metodo pressoché infallibile. Ci vorrà del tempo perché possa essere sviluppato un software che, ad esempio, individui oltre alla malattia anche lo stadio preciso a cui è pervenuta. In ogni caso uno strumento del genere sarebbe un contributo fondamentale per una terapia efficace per il morbo di Parkinson.
 
 
 
 

Guarda anche


parkinson-l-attivit-fisica-pu-rallentare-la-progressione-della-malattia
Parkinson: l'attività fisica può rallentare la...

Il 25 novembre è stata la Giornata Mondiale dedicata al Morbo di Parkinson....

tetano-l-importanza-del-vaccino
Tetano: l'importanza del vaccino

Il tetano è una malattia che non è mai stata del tutto debellata. Sebbene...