web counter
ads

Tumore al pancreas: da oggi è possibile la diagnosi precoce con il test delle urine

tumore-al-pancreas-da-oggi-possibile-la-diagnosi-precoce-con-il-test-delle-urine
 
Nella maggior parte dei paesi sviluppati il carcinoma del pancreas costituisce una delle prime cause di morte per cancro. Fino ad oggi solo il 3% dei pazienti sopravvive nei 5 anni successivi alla diagnosi, il tasso più basso di sopravvivenza rispetto ad ogni altra neoplasia comune. La diagnosi infatti, avviene in fase avanzata della malattia, quando il tumore non è più operabile. La scoperta di un gruppo di ricercatori inglesi e spagnoli potrebbe rivoluzionare la situazione e anticipare la diagnosi con un semplice test delle urine. La ricerca è stata pubblicata su Clinical Cancer Research. Lo studio ha preso in esame 500 campioni di urina, sia da pazienti con tumore al pancreas o altre patologie (pancreatiti, disturbi a fegato e cistifellea) sia da volontari sani. Negli esami dei campioni sono state isolate e analizzate più di 1.500 proteine. I ricercatori hanno identificato tre proteine marcatrici del cancro al pancreas (LYVE1 , REG1A e TFF1). L'aumento della concentrazione di queste tre sostanze, "firma proteica" del tumore, è presente solo nei soggetti affetti dal carcinoma al pancreas. Riuscire a prevenire l'avanzamento della malattia, che se curata in fase terminale ha tassi molto bassi di guarigione, significa raggiungere un tasso di sopravvivenza del 60%. Il test delle urine potrebbe costituire uno strumento essenziale per combattere questa malattia, unitamente alle campagne di prevenzione mirata su soggetti a rischio (obesi, fumatori, over 50, diabetici). I sintomi del tumore al pancreas in fase precoce sono vaghi e spesso non consentono di intervenire con sicurezza e arginare il decorso del cancro. Sintomi chiari associati alla malattia (perdita di peso e di appetito, ittero, che porta a una colorazione gialla della pelle, dolore nella parte superiore dell'addome o nella schiena, debolezza, nausea o vomito, diabete) compaiono solo in fase avanzata. Solo in Italia ogni anno sono oltre 10.000 le persone colpite dal tumore del pancreas, 5.500 riscontrati tra gli uomini e 5.900 tra le donne. Benché siano necessari ulteriori approfondimenti, coinvolgendo soprattutto i soggetti geneticamente esposti allo sviluppo di questa neoplasia, la notizia è accolta con entusiasmo da associazioni e ricercatori di tutto il Mondo. La BBC online riporta le parole del co-autore dello studio, Nick Lemoine del Barts Cancer Institute britannico: " E' davvero emozionante perché per la prima volta potremmo essere in grado di offrire ai pazienti con cancro al pancreas l'opportunità di passare dalla diagnosi di un tumore avanzato a quella di una lesione allo stato iniziale, potenzialmente curabile con la chirurgia".
 
 
 
 

Guarda anche


sclerosi-multipla-arrivata-la-cura-per-le-forme-pi-gravi
Sclerosi multipla: arrivata la cura per le forme più gravi

Secondo gli ultimi dati, sembra che ogni 3 minuti venga diagnosticato un nuovo...

aumenta-l-incidenza-del-linfedema-cos--e-come-si-cura
Aumenta l'incidenza del linfedema. Cos'è e come si cura

Il linfedema è una patologia il cui segno distintivo è il rigonfiamento...