stickyimage

Quali sono i rischi della scarlattina in gravidanza

La scarlattina è una malattia esantematica causata, a differenza delle altre malattie esantematiche, da un batterio anzichè da un virus, è anche conosciuta come la seconda malattia. Solitamente viene contratta durante il periodo che va dai dieci ai tredici anni, ma può capitare anche che ci sia l’ infezione successivamente a tale periodo e in particolare in età adulta, questo comporta dei rischi nel caso ci sia uno stato di gravidanza.
Deve essere sottolineato che non tutti gli specialisti sono concordi sugli effetti della scarlattina contratta nel periodo della gravidanza. La maggior parte di essi ritiene che in realtà non ci siano rischi se non legati alla possibilità di un parto prematuro perchè l’ eventuale colonizzazione dei batteri nella vagina può portare ad una rottura prematura delle membrane e quindi ad un parto anticipato, oltre che la possibilità ritenuta comunque remota che il bambino contragga durante il parto la scarlattina. Deve essere sottolineato che tale colonizzazione nella vagina non è affatto frequente. Altri esperti sono invece più pessimisti e ritengono che la scarlattina contratta nei primi tre mesi di gravidanza possa portare alla possibilità di malformazioni al feto in quanto in questo periodo gli organi del feto sono in formazione. Tutti però sono concordi nello stabilire che è opportuno recarsi dal ginecologo, nel caso in cui si contragga tale malattia durante la gravidanza, per poter meglio valutare la situazione e stabilire degli esami come ad esempio il tampone vaginale che aiuteranno a verificare se l’ infezione ha colpito questa zona.
Sicuramente contrarre la scarlattina durante la gravidanza espone a rischi maggiori rispetto al caso in cui tutta la gravidanza si svolga senza eccessivi problemi anche perchè la stessa ha dei sintomi abbastanza fastidiosi legati sia alle eruzioni cutanee sia alla febbre che può essere anche molto alta, mal di gola, emicrania e difficoltà a deglutire. Vedendo i vari sintomi appare evidente che è comunque necessario consultare il medico e rendere anche noto lo stato di gravidanza in modo che la terapia somministrata possa essere compatibile con tale stato, di sicuro anche questo è uno svantaggio perchè in gravidanza sarebbe opportuno evitare di assumere medicinali.
Per quanto riguarda l’ esperienza personale, una mia amica ha contratto la scarlattina durante la gravidanza, ma non ha avuto assolutamente problemi neanche con il parto, giustamente i dottori quando vengono a conoscenza di situazioni simili nelle loro pazienti, devono informare su tutti i rischi anche quelli che sono meno probabili ma comunque possibili in quanto vi è una responsabilità del dottore nell’ informare. Anche lei era preoccupata delle possibili conseguenze, ma deve anche essere detto che i problemi si verificano solo in limitatissimi casi e quindi non occorre preoccuparsi troppo e ingenerare delle situazioni di stress eccessivo, pur dovendo comunque essere informati sui rischi che si corrono. E’ giusto comunque continuare a vivere la gravidanza nel modo più sereno possibile anche se si verifica questo intoppo.

 

Gravidanza. You can follow any responses to this entry through the | RSS feed . You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave A Response

Required