web counter
ads

Come proteggersi dall influenza

proteggersi-dall-influenza
 
L'influenza è una malattia causata da virus che colpisce le vie respiratorie,nel corso degli anni sono stati identificati tre tipi di virus: di tipo A, di tipo B e di tipo C. Tali virus sono estremamente resistenti all'ambiente esterno e si sviluppano con le basse temperature, per questo motivo l'influenza ha il suo picco di maggior sviluppo durante il periodo invernale. Il contagio avviene attraverso la saliva e i primi sintomi si possono presentare anche dopo tre o quattro giorni. I luoghi affollati e chiusi favoriscono il diffondersi del virus e i soggetti più vulnerabili sono sicuramente i bambini e gli anziani poiché le loro difese immunitarie sono meno forti dei soggetti adulti e sani, questo non sta a significare che l'influenza non possa colpire chiunque, infatti il virus influenza è soggetto a continui cambiamenti e quindi le comuni difese immunitarie non sempre riescono a contrastarlo. Il Ministero della Salute raccomanda il vaccino alle persone che hanno superato i 64 anni e a coloro che presentano già patologie di tipo respiratorio, ai bambini che abbiano già compiuto i sei anni e agli adolescenti che siano stati sottoposti ad una terapia a base di acido salicilico (la comune aspirina) poiché ,secondo alcuni studi, questo farmaco successivamente all'influenza può favorire la comparsa della sindrome di Reye è sconsigliato invece ai soggetti allergici alle proteine dell'uovo Vaccinarsi è quindi il modo migliore per prevenire l'influenza, in primo luogo perchè previene notevolmente le possibilità di contrarre il virus e poi perchè in caso di stati influenzali riduce sensibilmente l'insorgere di complicazioni. E' per questo motivo che i miei genitori, mia mamma ha 70 anni e mio padre 72, ogni anno nel mese di ottobre hanno preso la buona abitudine di fare il vaccino e nonostante il virus influenzale non li abbia risparmiati, quest'anno, non hanno avuto febbre alta e nel giro di tre-quattro giorni già stavano notevolmente meglio. Non ho invece mai sottoposto i miei figli al vaccino anti-influenzale, e questo inverno è stata la volta di Andrea, il piccolo, infatti è a letto da quattro giorni anche se già da ieri sera non aveva più febbre. Tutto è cominciato con dolori alle braccia, alle gambe e alla testa, dopo poco la temperatura era salita a 38°, non presentava disturbi intestinali, ne nausea, ne vomito, chiaramente era fortemente inappetente e desiderava solo dormire. Consigliata dal pediatra gli ho somministrato esclusivamente del paracetamolo quando la temperatura superava i 38° e l'ho fatto bere frequentemente per evitare la disidratazione. Oggi, sono passati quattro giorni, non presenta febbre, la temperatura è di 36,5° ed è ritornato a mangiare con un certo appetito. Ha ancora un pò di tosse che curo somministrandogli del tè dolcificato con abbondante miele e i dolori articolari non sono ancora spariti del tutto. Non penso di mandarlo ancora a scuola, sia per evitare il contagio per gli altri bambini sia per non incorrere in ricadute.
 
 
 
 

Guarda anche


un-cane-per-amico-fa-letteralmente-bene-al-cuore
Un cane per amico fa (letteralmente) bene al cuore

Si dice da sempre che il cane sia il migliore amico dell'uomo, riferendosi...

influenza-autunno-inverno-2019-cosa-ci-aspetta
Influenza autunno-inverno 2019: Cosa ci aspetta?

Meno diffusa ma più potenteL'influenza che attende numerosi italiani nel 2019...