web counter
ads

Sigarette a confronto: quella elettronica è la più cancerogena

sigarette-confronto-quella-elettronica-la-pi-cancerogena
 
Dagli Stati Uniti arriva l'ennesima notizia che mette sotto tiro la sigaretta elettronica, in quanto sembrerebbe avere effetti più cancerogeni del tabacco. I ricercatori della Portland State University dell'Oregon, hanno condotto uno studio tramite il quale è stato messo in luce come i vapori della sigaretta elettronica contenenti nicotina, siano da 5 a 10 volte più cancerogene del tabacco: esse infatti determinerebbero la formazione di formaldeide, una sostanza che si potrebbe formare durante il processo di vaporizzazione innescato dalle sigarette elettroniche. Lo studio, pubblicato anche sulla rivista New England Journal of Medicine (NEJM), riaccende il dibattito sulle e-cig a seguito dei risultati ottenuti. I ricercatori dell'Oregon hanno testato il vapore prodotto dalle sigarette elettroniche, utilizzando un inalatore meccanico per dimostrare come, dalla miscela di nicotina, glicerina, glicole propilenico e aromi chimici, si ottenga la formazione di quella sostanza fortemente cancerogena e già conosciuta col nome di formaldeide. La ricerca ha dimostrato come l'alta e la bassa tensione abbiano influito sulla formazione della sostanza: alimentato alla bassa tensione di 3,3 volt, il dispositivo utilizzato come inalatore meccanico dei vapori delle e-cig, non ha prodotto formaldeide che, però, si è formata quando surriscaldato dall'alta tensione di 5 volt, determinando una produzione di questa sostanza sensibilmente superiore a quella che si forma in corso di combustione delle tradizionali sigarette al tabacco. Conseguentemente, gli studiosi hanno calcolato che un soggetto consumatore di sigarette elettroniche, inalando circa 3 millilitri al giorno di liquido vaporizzato surriscaldato, inalerebbe contemporaneamente anche 14 milligrammi di formaldeide, quantità cancerogena che risulta essere cinque volte maggiore di quella inalata da un fumatore tradizionale. Diventa quindi chiaro come, in questo modo, un fumatore di sigarette elettroniche si espone ogni giorno ad un'inspirazione di sostanze cancerogene che lo mettono, da 5 a 15 volte in più a rischio di un probabile tumore ad insorgenza polmonare. Questo studio, però, si scontra con uno più recente sostenuto da ricercatori londinesi, il quale evidenzia come il consumo di e-cig apporti più benefici che problematiche sanitarie. Avendo quest'ultima ricerca asserito l'esatto contrario, rimane chiaro come sia assolutamente necessario fare chiarezza sulla questione per fornire informazioni corrette supportate da dati scientifici, che indirizzino il consumatore a scegliere, nella piena consapevolezza delle conseguenze, l'uso di sigarette al tabacco o di sigarette elettroniche. Lo stesso Giovanni D'Agata, Presidente dello "Sportello dei Diritti", ha evidenziato quanto sia necessario che le autorità sanitarie nazionali ed europee, effettuino in merito controlli e verifiche dimostrate scientificamente, al fine di chiarire in maniera definitiva quali possano essere i rischi per la salute legati all'uno o all'altro utilizzo.
 
 
 
 

Guarda anche


sindrome-uremico-emolitica-cos--sintomi-e-prevenzione
Sindrome uremico emolitica: cos'è, sintomi e prevenzione

Cos'è la sindrome uremico emolitica (Seu) La sindrome uremico emolitica,...

disturbi-del-sonno-aumenta-il-rischio-di-incidenti-stradali
Disturbi del sonno: aumenta il rischio di incidenti stradali

Recenti sondaggi rivelano che un numero sempre più consistente di italiani è...