web counter
ads

SLA: funziona il trapianto di staminali

sla-funziona-il-trapianto-di-staminali
 
Secondo uno studio condotto dai ricercatori del Centro Dino Ferrari, dell'Università degli Studi di Milano e dalla Fondazione Ca' Granda, Ospedale Maggiore Policlinico, la sclerosi laterale amniotrofica (SLA) potrebbe essere sconfitta grazie al trapianto di cellule staminali neuronali. Tali cellule derivano da cellule staminali pluripotenziali indotte (iPSCs) umane e sono state trapiantate nei topi. Gli scienziati hanno infatti prodotto cellule staminali a partire da cellule epidermiche e hanno poi provveduto a differenziarle in staminali neuronali. Hanno poi proceduto a trapiantarle nei topi, attraverso un'iniezione per via endovenosa; queste, migrando nel sistema nervoso centrale e poi integrandosi nel midollo spinale, hanno sostituito le cellule compromesse, attraverso lo stesso meccanismo usato dal cervello per ripararsi. Il risultato di questo percorso è stato quello di un notevole miglioramento della malattia. Lo studio è stato condotto da Monica Nizzardo, Giacomo Comi, vicedirettore del Centro Dino Ferrari e professore associato di Neurologia alla Statale di Milano, e Stefania Corti, ricercatrice dell'Università degli Studi di Milano e responsabile del Laboratorio di cellule staminali neurali. Per i ricercatori che hanno portato avanti lo studio, i dati in loro possesso non rappresentano una speranza soltanto per la cura della Sla, ma sono potenzialmente utili anche nel caso di altre malattie, come quelle neurodegenerative e neuromuscolari. La Sla è una patologia di tipo degenerativo e progressivo che colpisce il sistema nervoso centrale, e precisamente i motoneuroni, cioè i neuroni preposti alla regolazione della funzione del movimento, ma anche il motoneurone del tronco encefalico e del midollo spinale. Questa malattia, per la quale non è stata ancora individuata alcuna cura, si manifesta in età adulta e colpisce da 1 a 3 persone ogni 100.000 individui ogni anno. Sarebbero circa 6.000, secondo le ultime stime, le persone che in Italia soffrono di Sla. Lo studio, che è stato pubblicato anche da Human Molecular Genetics, è stato finanziato da Arisla. La novità saliente della ricerca starebbe, a detta degli studiosi, nell'aver dimostrato la possibilità di dare origine a cellule staminali neuronali partendo da iPSCs, e di poterle usare come sorgente per eventuali trapianti, aprendo così la strada a nuovi studi clinici.
 
 
 
 

Guarda anche


un-cane-per-amico-fa-letteralmente-bene-al-cuore
Un cane per amico fa (letteralmente) bene al cuore

Si dice da sempre che il cane sia il migliore amico dell'uomo, riferendosi...

influenza-autunno-inverno-2019-cosa-ci-aspetta
Influenza autunno-inverno 2019: Cosa ci aspetta?

Meno diffusa ma più potenteL'influenza che attende numerosi italiani nel 2019...