web counter
ads

Come usare i farmaci nei periodi di gran caldo

usare-farmaci-nei-periodi-di-gran-caldo
 

Il gran caldo di questi giorni oltre ai rischi derivanti da una possibile disidratazione, richiedono una particolare attenzione nell'utilizzo dei farmaci sia perché possono far aumentare i disturbi tipici del caldo sia perché se i farmaci non sono correttamente conservati possono essere causa di rischi notevoli per la salute.

Le alte temperature possono infatti incidere sull'integrità dei medicinali, sulla loro sicurezza e soprattutto sulla loro efficacia. Per questo è fondamentale assicurare una corretta conservazione ai farmaci soprattutto a quelli che risentono maggiormente dei mutamenti della temperatura.

I primi sintomi derivanti dall'utilizzo di farmaci nei periodi di calura si rilevano nell'aumento della sudorazione, nella sensazione di vertigini, in un latente stato di confusione e nella incapacità di essere vigili ed attenti. Per evitare queste possibili situazioni, l'Aifa (Agenzia italiana del farmaco) ha redatto un'apposita lista di farmaci da assumere con cautela in questo periodo. In questa lista rientrano tutti quei farmaci che per effetto del caldo possono comportare un aggravamento degli effetti delle alte temperature e quindi richiedere una variazione nella terapia seguita.

Ma quali sono questi farmaci? Rientrano in questa categoria gli anticolinergici, gli antistaminici, gli antiparkinsoniani, gli antipsicotici, gli antidepressivi.

Per tutti questi farmaci, l'assunzione abbinata al caldo può comportare diversi effetti quali interferenza con la termoregolazione, riduzione dello stato di vigilanza, diminuzione della pressione arteriosa e della sudorazione, e così via. L'Aifa pertanto raccomanda una corretta conservazione dei farmaci per proteggerli dal caldo: devono restare in un luogo fresco ed asciutto e ad una temperatura inferiore ai 25 gradi al fine di mantenere intatte le caratteristiche farmacologiche e terapeutiche.
Se ci si mette in viaggio è opportuno conservare i farmaci in un contenitore termico ed evitare l'esposizione diretta ai raggi del sole.

Una particolare attenzione deve essere data ai farmaci antiepilettici, anticoagulanti ed a quelli per la tiroide in quanto sono molto sensibili alle variazioni termiche. Anche una semplice crema a causa delle temperature elevate potrebbe perdere i suoi benefici; proprio per questo di raccomanda la massima attenzione nella conservazione dei farmaci di ogni tipo.


 
 
 
 

Guarda anche


apnee-notturne-un-problema-da-non-sottovalutare
Apnee notturne: un problema da non sottovalutare

Le apnee notturne sono un problema che non deve essere sottovalutato, perché i...

tumore-al-seno-la-nuova-ecografia-in-3d-per-la-diagnosi-precoce
Tumore al seno: la nuova ecografia in 3D per la diagnosi...

Il cancro al seno è la forma tumorale più frequente nella popolazione...