web counter
ads

Sei mattiniera? Puoi ridurre il rischio di cancro al seno

Una nuova ricerca offre buone notizie alle donne che hanno l'abitudine di svegliarsi presto: se sei mattiniera hai un rischio minore di sviluppare il cancro al seno.

sei-mattiniera-puoi-ridurre-il-rischio-di-cancro-al-seno
 

Le caratteristiche del sonno potrebbero essere un fattore di rischio per il cancro al seno, è ciò che è stato sostenuto da Rebecca Richmond della Bristol Medical School e dalla sua equipe di ricercatori. 
Lo studio ha rivelato che le donne con l'abitudine di alzarsi presto al mattino sono meno vulnerabili rispetto a quelle che fanno le ore piccole e dormono fino a tardi.
La tecnica utilizzata al fine della ricerca è stata quella della randomizzazione mendeliana, una pratica che sfrutta le informazioni genetiche per esaminarne l'effetto causale. Sono state dunque analizzate le varianti genetiche collegate a tre tratti del sonno, quali il cronotipo (predilezione tra mattina e sera), i sintomi dell'insonnia e la durata del sonno. 
Nell'analisi osservazionale dei dati della Banca Mondiale del Regno Unito, la preferenza del mattino era associata a un rischio leggermente inferiore di cancro al seno (una donna in meno ogni 100) rispetto alla preferenza serale, mentre c'erano poche prove per un'associazione con i sintomi della durata del sonno e dell'insonnia.
Eva Schernhammer, professoressa del dipartimento di epidemiologia dell'Università di Vienna, scrive che lo studio identifica "il bisogno di una ricerca futura che esplori come ridurre lo stress sul nostro orologio biologico". Ciò significa che la rottura di un normale ritmo circadiano potrebbe influire sul funzionamento del corpo. 
Inoltre suggerisce che questo tipo di studio "potrebbe aiutare ad allineare l'orario lavorativo con il cronotipo per armonizzare meglio i tempi imposti dall'esterno con le preferenze individuali diurne, specialmente nella popolazione lavorativa."
Gli esperti hanno affermato che cambiare i ritmi del sonno ed essere più mattiniere possa diminuire il rischio, anche se sono necessarie ulteriori ricerche prima che i medici possano formulare consigli più specifici.


 
 
 
 

Guarda anche


un-batterio-buono-per-aiutare-i-pazienti-diabetici-la-nuova-terapia-salvera-il-cuore
Un batterio buono per aiutare i pazienti diabetici: la...

Gli enormi passi della ricerca scientifica non sembrano arretrare, anche e...

alzheimer-sintomi-precoci-nel-linguaggio
Alzheimer: sintomi precoci nel linguaggio

Il morbo di Alzheimer è la malattia di demenza cognitiva generativa più nota;...