I principali rimedi contro rughe e macchie post vacanze estive

Rughemacchieepiteliomi. Il bilancio di fine estate assomiglia più a un bottino di guerra, se si prende in considerazione il numero di casi che hanno interessato le persone in vacanza al mare quest’anno. Secondo le stime della società italiana di dermatologia, riprese in un recente approfondimento della sezione Benessere dell’agenzia Ansa, ogni anno si registrano in media 180 mila nuovi casi di epiteliomi (tumori della pelle provocati dal sole).

Le conseguenze degli epiteliomi

Gli epiteliomi sono spesso causa della comparsa di macchie e rughe sulla parte di pelle che è rimasta maggiormente esposta ai raggi solari senza la dovuta protezione. Oltre alle macchie e alle rughe si aggiunge anche la disidratazione della cute, altro elemento da non sottovalutare per chi alla fine delle vacanze ha scoperto di avere un epitelioma. In genere, le parti più colpite sono quelle che rimangono esposte per un numero di ore maggiore al sole. In questa situazione, il principale aiuto arriva dalla medicina estetica, ma non va sottovalutata anche l’adozione di un differente stile di vita.

Il ruolo della medicina estetica

Riattivazione del collagene e ultrasuoni microfocalizzati sono due delle principali soluzioni offerte dalla medicina estetica per correre ai ripari contro i danni provocati dal sole durante la stagione estiva. Nello specifico, gli addetti ai lavori consigliano cicli di terapia della durata di un paio di mesi per ottenere risultati concreti. Per quanto riguarda la riattivazione del collagene, vengono suggeriti 4-5 cicli di radiofrequenze bipolari a distanza di 10-15 giorni l’uno dall’altro. In relazione all’utilizzo di ultrasuoni microfocalizzati, gli esperti ritengono possa essere sufficiente un’unica seduta. Oltre alle radiofrequenze e agli ultrasuoni, le classiche punture di acido ialuronico e vitamine continuano a vantare grande credito all’interno del settore della medicina estetica.