Il glaucoma può portare danni permanenti alla vista

Tra tante esperienze personali non mancano i problemi di vista che è il mio tallone di Achille in senso come mio punto sfavorevole.
Soffro da molti anni di glaucoma e purtroppo questa patologia mi ha rovinato un po’ la vita e l’esistenza, ma vi parlerò dopo della mia esperienza.
Prima di continuare vi spiego cosa è il glaucoma e in cosa consiste a beneficio di tutti quelli che non conoscono questa patologia.
Il glaucoma consiste nell’aumento della pressione intraoculare poiché la valvola naturale che ogni occhi ha non scarica bene questa pressione.
Questa pressione che aumenta è dannosa poiché va a comprimere il nervo ottico danneggiandolo e facendolo letteralmente morire.
È una patologia che viene diagnosticata dal medico oculista ma si può anche toccare la parte alta dell’occhio per capire se all’interno la pressione è alta.
In pratica tastando leggermente la parte alta dell’occhio e questo risulta duro significa che la pressione è alta mentre se si nota una certa morbidezza significa che la pressione è normale.
Ho imparato questa manovra dal mio oculista poiché avevo necessità di capire in vari orari della giornata se la pressione era alta.
Poi ci sono diversi tipi di glaucoma, quello più pericoloso è il glaucoma fulminante che non lascia scampo e si arriva in poco tempo alla cecità completa.
Questo tipo di patologia è considerata pericolosa e non bisogna sottovalutare neanche il minimo segnale.
È riconosciuta dal servizio sanitario nazionale come una patologia che limita e pertanto si hanno diverse convenzioni anche per quello che riguarda l’esenzione sia delle prestazioni specialistiche che per i farmaci che vengono prescritti.
Il glaucoma può portare a un campo visivo ristretto che è un chiaro sintomo che ormai il nervo è stato danneggiato in modo irreparabile.
Mentre in alcuni casi specie quelle del nervo completamente danneggiato si arriva a perdere la vista o ad essere ipovedente.
Per curarsi e per non avere grandi effetti negativi a riguardo bisogna fare assolutamente la terapia farmacologica e la prevenzione gioca un ruolo importante in tutto questo.
Purtroppo non si guarisce dal glaucoma ma si può tenere sotto controllo solamente se ci si affida ad un bravo oculista e che si segua la terapia indicata.
La mia esperienza personale riguarda questa patologia che nonostante abbia avuto sentori fin da subito che qualcosa non andava ho avuto un glaucoma molto aggressivo che mi ha danneggiato il nervo ottico in modo irreparabile.
Oggi convivo con questa patologia ma il mio stato di ipovedente mi porta a una vita limitata e piena di sfide tutti i giorni.
Anche se ormai ho avuto dei danni sono costretto a continuare la mia terapia farmacologica e senza quella i danni sarebbero peggiori.
I svantaggi di questa malattia sono che non da dei veri segnali, vengono dei mal di testa, si sentono gli occhi un po’ gonfi ma comunque questi sono segnali di una normale stanchezza ma il vero svantaggio è che non lascia scampo se non viene curata.
Consiglio a tutti di non sottovalutare il problema e di rivolgervi al vostro oculista poiché il glaucoma porta a dei danni permanenti.
Al piccolo dubbio è sempre meglio rivolgersi allo specialista.